monte dei ragni zeno zignoli monte dei ragni
monte dei ragnimonte dei ragnivalpolicellamonte dei ragnimonte dei ragnimonte dei ragni
               
   
monte dei ragni
amarone
valpolicella
valpolicella superiore
recioto
passito
olio del garda
 

RECIOTO della Valpolicella Denominazione di origine controllata

Classico

Con particolare cura vengono scelti in campo i grappoli migliori da porre poi in fruttaio.
Ottenuto da un lento appassimento naturale e una sapiente vinificazione. Il colore è rosso intenso, il profumo di frutta matura. Vino da fine pasto da abbinare soprattutto alla pasticceria secca.

 

   
             
    Zona di produzione  

Località Marega nel comune di Fumane in Valpolicella.
Zona collinare, da 220 a 430 mt. s.l.m. esposizione sud est-
piena su terreni calcarei con molto scheletro.


   
    Sesto d'impianto e di allevamento   Pergola trentina, 5600 viti/ha con carico gemme di
33000-36000/ha, ricordando che nella corvina le prime tre
gemme generalmente non danno frutto.


   
    Produzione
per ha
  33 hl/ha.

   
    Vitigni  

22% Rondinella-60% Corvina- 13% Corvinone-5% Molinara


   
    Vendemmia  
Dopo la metà di settembre, con raccolta manuale in plateau, alla
quale segue un appassimento naturale in fruttaio fino alla fine
di febbraio o marzo, in base all’ andamento climatico
invernale. Una volta giunte alla giusta concentrazione zuccherina si
procede con la pigiatura.



   
    Tipo di vinificazione  
Le uve vengono pigiate lentamente affinchè i raspi, completamente
secchi ,restino il più possibile interi per poterli, di conseguenza,
espellere. Fermentazione e affinamento in acciaio.
Nel Recioto la fermentazione va interrotta, per lasciare
un residuo zuccherino che lo renda dolce.
Maturazione in bottiglia minimo sei mesi



   
    Analisi  
Colore rosso intenso, brillante, denso concentrato, ha nervo ma
bilanciato da una morbida dolcezza, prugna mora e amarena
infinitamente mature, soprattutto amabile
.

   
    Accostamenti   Vino da dessert, che si sposa divinamente alla pasticceria secca.
Tradizionale l’abbinamento con la “Sbrisolona” , dolce tipico
della Valpolicella .



   
    Temperatura consigliata   16-18 gradi.

   
       

   
     
                                                         |Home | | Chi siamo| |Dove siamo | | Le ricette | | Le novità | | Contattaci |